Workshop La guerra dell'euro: Comprenderla per difenderci

Sabato 22 Giugno 2013 ore 9.30 Milano

  •     La guerra dell’euro ci sta uccidendo!
  •     Per affrontare questo nuovo tipo di conflitto dobbiamo poterlo comprendere.
  •     L’euro, per come è stato concepito, si sta rivelando un’arma di distruzione di massa.
  •     La Troika sta commettendo crimini contro l’umanità!
  •     I popoli europei devono rivendicare la loro sovranità.
  •     Dobbiamo fare pressione affinché l’Europa si salvi da questo disastro conquistando la democrazia reale.

La nonviolenza è una metodologia di azione sociale e uno stile di vita personale, un atteggiamento attivo di lotta contro ogni forma di violenza e a favore della non discriminazione, della libertà di scelta e dell’uguaglianza di diritti e di opportunità.

In occasione della ‘Giornata della Nonviolenza’ proclamata dall’Onu per il 2 ottobre

Partecipa anche tu!

2 Ottobre 2012 , giornata internazionale della nonviolenza!

Biblioteca Crescenzago, Via Don Orione 19 - Zona 2 Milano
ore 20:30 “LA NONVIOLENZA IN PAROLE, MUSICA E IMMAGINI”
Letture, musiche e video di alcuni personaggi storici che hanno ispirato la cultura nonviolenta.
Festeggiamo l’evento con un rinfresco - ingresso libero

Punto d’Incontro, Via Mazzali 5, (MM Udine)

ore 20:00 - "l'Arte della Nonviolenza"
Aperitivo e presentazione del progetto "Arte per Aggregarsi" promosso dall'associazione Mondo Senza Guerre

ore 20.45 "MILANO NONVIOLENTA PARTE DALLA ZONA 3"

Presentazione del progetto: Laboratori per adulti,insegnanti,studenti,per sperimentare la nonviolenza.

ore 21:00 - Proiezione del film "The Lady"

La vera storia di Aung San Suu Kyi, leader del movimento nonviolento in Birmania, premio nobel per la pace nel 1991
presso Punto d'Incontro
Via Mazzali, 5 MM UDINE Milano
info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

In una città nonviolenta l’istruzione pubblica deve essere gratuita e qualificata, offrire le stesse opportunità di crescita a tutti e garantire la migliore offerta formativa, dagli asili nido ai corsi per adulti e alle biblioteche, promuovendo la cultura della nonviolenza.


In una città nonviolenta va garantito a tutti i cittadini l’accesso alla sanità pubblica del miglior livello. Va ugualmente garantito il diritto a vivere in un ambiente sano, con decisi interventi contro l’inquinamento e un piano urbanistico che ponga al centro la qualità della vita degli abitanti.
Una città nonviolenta si fonda sulla democrazia reale e sulla partecipazione.


I cittadini devono poter esprimere direttamente la propria volontà attraverso il ricorso a referendum propositivi e abrogativi e la loro partecipazione va resa possibile grazie al massimo decentramento delle istituzioni.


In una città nonviolenta non c’è posto per la discriminazione. Si deve favorire il dialogo tra le diversità e dare vita a una comunità interculturale, in cui tutte le etnie, religioni e culture mettano in comune i loro aspetti più evolutivi e si arricchiscano a vicenda.

Dal 2007 l’Onu ha proclamato il 2 ottobre, data di nascita del Mahatma Gandhi, Giornata Internazionale della Nonviolenza.
Alcune associazioni che quotidianamente promuovono attività a favore della nonviolenza, a 3 anni dall’organizzazione della Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza (partita proprio il 2 ottobre), hanno organizzato diversi momenti per celebrare questa giornata anche a Milano.

Mondo Senza Guerre e Senza Violenza, la Comunità per lo sviluppo umano e il Partito Umanista organizzano una serie di iniziative dedicate alla nonviolenza, per celebrare la Giornata Internazionale della Nonviolenza.