Stampa
Categoria: Azioni

Abbiamo partecipato al presidio organizzato dagli Operatori Sociali di Milano in cui c'erano presenti anche altri precari amministrativi che lavorano per il comune di Milano, c'erano presenti 150 persone.

Comitato Operatori Sociali Milano

Il Comune di Milano sta tagliando i diritti umani dei suoi cittadini seguendo le folli regole dell'Unione Europea che altro non è che la Globalizzazione Europea. Di conseguenza lo smatellamento dello stato sociale è iniziato già con il Trattato di Maastrich , ma negli ultimi anni con la folle politica dell'austerità lo smatellamento è stato sempre più crudele ed insensato.

Gli Operatori Sociali svolgono un lavoro fondamentale per la dignità umana , per la qualità della vita e si prendono cura di molte persone di tutte le età che altrimenti sarebbero dis-integrate da questa società.

Un Comune dovrebbe prendersi cura della propria comunità, dovrebbe essere garante della qualità della vita dei suoi abitanti, non può diventare un impresa che solo amministra costruzioni e strade in un territorio. Se il comune non si occupa del benessere della propria comunità allora stiamo tornando indietro al far-west e alla legge della giungla (tanto cara ai fondamentalisti liberisti i cui dogmi criminali animano la politica europea).

Il lavoro degli operatori sociali essendo un lavoro così preziosio e di alta qualità rispetto agli esseri umani, non sostituibile dalle macchine, dovrebbe essere retribuito e tutelato maggiormente del lavoro dei manager e degli operatori finanziari, invece ci sono dei sindacati snaturati confederali che firmano contratti indegni per conto dei lavoratori che non hanno nessuna voce in capitolo e subiscono un trattamento ingiusto.

Sono stati molti interessanti gli interventi sia dei gruppi di studio che hanno condiviso alcuni studi sia sul welfare che sui 20 contratti precari che esistono, oltre la descrizione dei turni allucinanti e mal retribuiti degli operatori sociali oltre che i pagamenti in ritardo ed oltre che una mal gestione delle cooperative che non sembrano interessate a mettere cura nella funzione sociale che svolgono le attività che portano avanti i propri collaboratori (precari e sfruttati).

Il 14 Luglio ci sarà un'altro appuntamento, di cui appena avremo maggiori informazioni condivideremo.

{phocagallery view=category|categoryid=215}

Per maggiori info: http://operatorisociali.noblogs.org/