Ci rivolgiamo a tutti coloro che credono che sia Tempo di Umanesimo nella Politica, nella Società e nella propria vita.
Ci rivolgiamo a tutti coloro che credono sia arrivato il Tempo di un profondo ed amabile cambiamento ispirato ai valori del nuovo umanesimo.
Ci interessa un umanesimo che contribuisca al miglioramento della vita, che sviluppi scenari alternativi alla discriminazione, al fanatismo, allo sfruttamento e alla violenza. In un mondo che corre verso la globalizzazione e che mostra i sintomi dello scontro tra culture ed etnie, deve esistere un umanesimo universalista, plurale, basato sulla convergenza. In un mondo in cui i paesi, le istituzioni ed i rapporti umani tendono a destrutturarsi, deve esistere un umanesimo capace di stimolare la ricomposizione delle forze sociali.
Crediamo nella libertà di scelta e nel senso della vita, ci ripugna ogni tipo di discriminazione e violenza.
Crediamo che sia il momento di spingere con forza per approvare una legge di Democrazia Reale e superare l’ipocrisia della democrazia formale. Ma da questa trappola della democrazia formale non c'è altra uscita se non col percorso che proponiamo, quello della lotta nonviolenta.

In questo momento, mentre poteri economici sovranazionali e organismi non elettivi dettano le politiche dei Paesi e si fa ogni giorno più evidente la sudditanza, o l’impotenza, della classe politica nei confronti di tali poteri, cresce tra i cittadini la necessità di partecipare direttamente alle scelte che li riguardano.
Il cittadino dovrà essere il soggetto centrale, coinvolto e consapevole, delle scelte che regoleranno la vita sua e del suo ambiente più immediato.
L’ambito in cui tale coinvolgimento potrà esprimersi meglio sarà quello del Comune, nucleo vivo dell’esistenza concreta delle persone.
Partendo dai Comuni e facendo crescere la spinta dal basso, si potrà infine conquistare la democrazia reale anche a livello nazionale.

La Coscienza umana è attiva ed è per questo che nei momenti storici di grande oscurità, la coscienza umana si è sempre aperta dei varchi e ha riabilitato la condizione umana. Anche ora, al tramonto di un vecchio mondo, questa coscienza umana sta facendo sorgere l’alba di una nuova era, auspichiamo che il Partito Umanista possa essere uno strumento per questa nuova coscienza umana che si fa spazio al di la di ogni sentimento di fallimento, di ogni impazienza.

Ci rivolgiamo a persone che hanno smesso di credere ci sia sempre qualcuno più preparato, più intelligente o semplicemente “più in alto” che debba o possa prendere le decisioni per noi.
Ci rivolgiamo a chi crede che “gli azionisti” di una democrazia siano i cittadini e non degli organismi finanziari che indebitano gli Stati e impongono un’inutile distruzione dello stato sociale e l’oscuramento del futuro.
Ci rivolgiamo a chi voglia farsi carico della costruzione di un’intelligenza collettiva e attiva. Un' intelligenza collettiva e attiva che possa dare nuove risposte, che non cerchi ricette che arrivano dall’”alto”, ma che desideri sforzarsi per costruire insieme al resto della comunità.
Ci rivolgiamo a tutti coloro che credono in una politica dell'accoglienza e al diritto di cittadinanza; che credono che l'istruzione e la sanità debbano essere pubbliche e gratuite per tutti e del miglior livello possibile;
che credono nella difesa dei beni comuni e alla salvaguardia del territorio;
che desiderano l'avvento di un reddito di cittadinanza;
che credono all'istituzione dei registri per le coppie di fatto;
che credono alla riconversione dell'industria bellica.
 Che credano che valga la pena!

 

questo sabato 18 aprile c'è la giornata  europea contro il Ttip

e anche Milano speriamo faccia una parte importante in questa giornata di  mobilitazione, DIPENDE ANCHE DA TE.


Il trattato tra Unione Europea  e Stati Uniti  eludendo le normative nazionali e agendo nella logica del massimo profitto potrebbe mettere in serio pericolo le attuali tutele alimentari,  ambientali, lavorative, sanitarie ecc.. deteriorando profondamente i nostri  territori  e le nostre vite.

Il Ttip rappresenta chiaramente gli interessi delle grandi lobby che hanno tutto l'interesse a innescare processi di globalizzazione sul mercato europeo che diventa terra di conquista.

  • Opponiamoci con tutte le nostre forze!

  • Il TTip non deve passare!

  • Non è questo il futuro che desideriamo per noi, per i nostri figli e per i nostri territori!

  • Mobilitiamoci, facciamo eco a questa iniziativa e nella raccolta firme!

  • Tutti in piazza sabato a sostenere la giornata contro il TTIP!

Incontro Pubblico

Sabato 21 marzo alle ore 15.00 Via Mazzali,5 - zona p.zza Udine

ll TTIP, Transatlantic Trade and Investment Partnership, definito "trattato di libero scambio tra Unione Europea e Stati Uniti d’America" attualmente oggetto di negoziati volutamente segreti, è qualcosa di più di un a semplice trattativa di liberalizzazione commerciale.

Vieni ad approfondire che cosa è e perché è una minaccia per i diritti e la democrazia in Europa, la salute e l'ambiente.
Come possiamo fermarlo?
Molto spazio alle domande.

E’ l’ennesimo attacco frontale che vede lobby economiche, Governi e poteri forti accanirsi su quello che rimane dei diritti del lavoro, della persona, dell’ambiente e di cittadinanza dopo anni di crisi economica e finanziaria, in un più ampio tentativo di disarticolare le conquiste di anni di lotte sociali con le politiche di austerity e di concentrazione del reddito verso l’alto.


Per dire che ci sei, vai su evento facebook.

organizzato da Partito Umanista (Milano) e da Coordinamento lombardo sinistra contro l'euro.

Il Comitato Stop-TTIP Milano  (di cui fa parte anche il Partito Umanista)

vi invita a un
INCONTRO PUBBLICO
SABATO 7 MARZO ORE 15
c/o Camera del Lavoro - Milano
Corso di Porta Vittoria, 43

Monica Di SISTO , Fairwatch, Comitato Nazionale STOP-TTIP
Alfredo SOMOZA , Istituto Cooperazione Economica Internazionale
Ottavio RUBE , Produttore, Cooperativa Agricola Valli Unite
Dott.sa Alessandra ALGOSTINO , Professore associato (Diritto Pubblico comparato) dell’Università degli Studi di Torino
Andrea Di STEFANO , Direttore Rivista Valori
Emilio MOLINARI , Contratto Mondiale sull’Acqua

Conduce e presenta: Christian ELIA, giornalista

Graziano Gorla porterà il saluto della Camera del Lavoro

Domenica 1 Marzo ore 15.00 P.zza del Duomo.

Abbiamo raccolto le storie di Souad e Jorge, migranti che quotidianamente fanno mille sacrifici per vivere una vita degna di essere vissuta. Sono anche le storie di Giovanni e di Anna, non hanno una specifica nazionalità e potrebbero appartenere a chiunque in questi anni in cui si sommano alla crisi, tragedie che attentano ai principi fondamentali alla base delle democrazie moderne .

Il 1^ marzo 2015 a Milano sarà dedicato a queste storie, alle contraddizioni che fanno emergere e alla possibilità che questi racconti di vita rappresentino un momento di incontro e riflessione, che alimentino l'impegno per costruire una società che non discrimina, una società senza razzismo, una società che possa garantire meglio i diritti di tutte e di tutti.
Arcobaleni in marcia, Convergenza delle culture, Arci lesbica, Todo Cambia, Ass.Dimensioni Diverse, Macao, Spazio Mondo Migranti, Coordinamento delle Associazioni Islamiche di Milano e Monza e Brianza, Sisa, Associazione d'amicizia Italia Cuba, Altra Europa Milano e Provincia, PRC-Federazione di Milano, Sel Zona 4, Studio 3R,Consulta Rom e Sinti-MI, Naga, Partito Umanista, Rete Sportelli Senza Permesso.

Per scaricare volantino:


Per promuovere e diffondere l'evento le varie associazioni organizzano dei volantinaggi in diverse zone di milano.


Vieni anche tu a volantinare con noi:
- Mercoledì ore 9.00-11.00 piazzale Martini;
- Giovedi ore 10.00
al mercato di Baggio;
- Giovedì ore 18.00 Piazzale Loreto;
- Venerdì 18.30 Piazzale Lodi;
- Sabato ore 9.00-11.00 Piazzale Corvetto


Per informazioni:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.m


Evento fb:

https://www.facebook.com/events/837091276338701